Lancio un sondaggio tra i miei lettori? Quali libri non avete mai terminato? Troppo banale fare la lista di quelli piu’ amati!

Anni fa, mi imbucai in una libreria a Sabaudia City, una delle tante del centro, e per puro caso mi imbattei nel commesso, amico di un mio amico, parlando di libri impossibili, dove per impossibili intendo i libri che pur mettendoci la buona volonta’ non porti mai a termine.

Lui ne aveva uno: Orcynus Orca di Stefano D’Arrigo che con tutta onesta’ ammetto di non aver mai letto, e di cui ignoravo persino l’esistenza prima che mi venisse citato.

Toccava poi indicare il mio “Interminato” ed andai sul piu’ classico: Ulysse di Joyce. Risposta quasi scontata, credo di non aver mai conosciuto personalmente qualcuno che l’abbia letto tutto intero. Io lo comprai all’eta’ di 19 anni, poco prima della maturita’ tentai di avventurarmi nel flusso di coscienza, mi sa che finii per addormentarmi nella calura appula, con sul petto il mattone irlandese.

Mi sono trovato pertanto a fare questa classifica.

Dopo il buon James, almeno per me, e in questo caso me ne vergogno un po’, risiede con un buon secondo posto “Il Signore degli anelli”. Sto aspettando di vedere i tre film, solo ad avvenuta lettura del romanzo. Mi sa che dovro’ attendere la mia prossima reincarnazione! Ho abbandonato perche’ ogni volta che iniziavo a leggere, mi girava la testa. C’e’ veramente troppo!

Tra i romanzi, credo ci sia poco altro che io possa considerare Interminato. Ho letto tutto Proust, e me ne vanto. Mi vanto molto piu’ di aver letto la Recherche che di essermi laureato (ho letto il libro durante gli ultimi 3 anni di ingegneria). Ammetto che sia Proust che ingegneria siano due cose molto noiose… farei bene a non vantarmi di aver letto il mastodontico romanzo francese.. anche perche’ a dire il vero, tanto sacrificio poteva essere usato per leggere altro che mi lasciasse qualcosa in piu’. Proust sta alla lettura come l’ingegneria all’essere umano. Potresti non averli letti o affrontati, non ti cambiano la vita (specie in bene) .

Tra i filosofi Interminati c’e’ Gurdjeff. Non ho terminato il suo “Frammenti di un insegnamento sconosciuto” solo perche’ per leggere di cotanto spessore filosofico, praticamente bisogna astenersi dall’usare il cervello per altre cose durante il giorno. Aspettero’ quindi, quando mi arriveranno lunghi periodi di ferie.

Tra le malloppazze indigeste: “la teoria dell’interpretazione dei sogni di Freud”. Letta a 19 anni, non ricordo bene di averla finita o meno, tanto per 300 pagine diceva sempre la medesima cosa. La stessa cosa che a 19 anni si ha sempre giustamente in testa (per chi non ci arriva subito non e’ l’esame di maturita’). In questo limbo che non so come chiamare: completati/interminati credo ci siano “I Promessi Sposi” (non male, pero’ somministrato della scuola italiana resta sempre molto indigesto), “Il fuoco” di D’Annunzio (ancora mi chiedo per quale motivo io abbia comprato quel libro e l’abbia letto… esiste il masochismo da lettura?), credo ce ne sia ancora qualcun altro, ma onestamente non mi sovvien.

Quali sono i vostri Interminati/Malloppazzi?